La trottola di Sofia

Vichi De Marchi
La trottola di Sofia. Sofia Kovalevskaja si racconta
Editoriale Scienza, 2014
ISBN 9788873076773
pagg. 128 – euro 12,90

Copertina de "La trottola di Sofia"

Biografia di una delle più grandi matematiche della storia.

Puoi trovare informazioni riguardanti questo libro anche su:

21 thoughts on “La trottola di Sofia

  1. Questo libro parla di una matematica russa di nome Sofia Kovalevskaja, fu la prima donna ad ottenere la cattedra universitaria. Fu una scrittrice di telento e una sostenitrice dei diritti femminili.
    Il libro narra anche delle lotte in famiglia.
    Pregiudizi che hanno quelle persone che credono che le donne sono inferiori agli uomini.
    Questo libro mi è piaciuto molto perchè è breve e piacevole.
    Lo consiglierei a tutti gli amanti della matematica.



  2. Questo libro è la biografia di Sofia Kovalevskaja, una donna russa che oltre ad essere una grandissima matematica e fisica fu anche scrittrice e sostenitrice dei diritti delle donne.
    Il libro inizia raccontando la sua infanzia, non molto facile; successivamente illustra le varie lotte combattute in famiglia e quella più incisiva sull’esclusione delle donne nel mondo scolastico e culturale.
    La sua determinazione fa sì che lei diventi la prima donna ad ottenere una cattedra universitaria, sacrificando la famiglia e la sua terra
    Questo libro mi è piaciuto moltissimo perché mi ha dato un grande esempio di perseveranza nello studio e nella vita.
    Lo consiglierei a tutti perché è un libro facile e piacevole.


  3. Questo libro parla di una matematica russa di nome Sofia Kovalevskaja, che non fu
    soltanto una matematica ma anche e soprattutto la prima donna ad ottenere la cattedra universitaria in Europa.
    Fu anche una scrittrice di telento e una sostenitrice dell’emancipazione femminile.
    Il libro inizia narrando l’infanzia di Sofia, a mio parere non facile, per poi proseguire parlandoci delle
    “lotte” in famiglia, delle “lotte” contro i pregiudizi e contro una società patriarcale.
    Pregiudizi che hanno tutte quelle persone che credono che le donne siano inferiori agli uomini.
    Riporto l’esempio di Sofia e Vladimir, con questa frase del libro……
    Vladimir: -Penso che smetterò di fare l’editore e comincerò a studiare, anche se non posso nasconderti che Sofia è mille volte più brava di me e con più talento-.
    La lettura mi è sembrata scorrevole, per questo motivo consiglio questo libro a chiunque, agli amanti della matematica e agli uomini che hanno la presunzione di essere superiori alle donne.
    E’ un’idea sbagliata visto che viviamo in una società evoluta rispetto alla famiglia che avevano, per esempio, i nostri nonni.
    Con questo non voglio dire che solo la nostra idea di famiglia è positiva rispetto a quella di una volta, ma semplicemente che, nel tempo, la donna ha saputo crearsi più spazi, ruoli e riconoscimenti all’interno della società.



  4. Buongiorno professoressa,
    ho scelto di leggere “La Trottola di Sofia” di Vichi de Marchi perché incuriosita dalla copertina, che a prima vista, lo fa sembrare un libro un po’ infantile e banale (cosa che sicuramente non è) e dal titolo: “Cosa c’entra una trottola con una matematica russa?”.
    Il libro è la biografia di Sofia Kovalevskaja, grande matematica e grande donna. Una persona con tanta energia e determinazione, che per la matematica sacrificherà molte cose; la famiglia, la propria terra …
    Nel libro sono narrati gi episodi e i protagonisti principali della vita della ‘piccola di casa’: dalla severissima Miss Smith a Fjodor, lo zio preferito seppur per poco, dal matrimonio alla figlia Fuffa, dalla carta da parati con le formule del calcolo differenziale alle difficoltà incontrate perché donna, dalla cattedra a Stoccolma alla vincita del premio Paris Bordin grazie proprio alla trottola del titolo.
    Questo libro mi è piaciuto moltissimo: è diretto, scorrevole e di piacevole lettura. Lo consiglio a tutti: ai più piccoli perché di facile lettura, alle donne perché capiscono che è necessario lottare per quello in cui si crede, a tutti quegli uomini che ritengono le donne non al loro stesso livello perché capiscano – secondo il mio umile parere – che si sbagliano di grosso e che non bisogna mai sottovalutare una donna.
    Emma



  5. Caro studente se sei qui, è perchè stai cercando un libro coinvolgente e favorevole ai diritti per le donne.
    Ora te lo “presento” un pò….. questo libro è intitolato “La trottola di Sofia ” .
    Questo testo è la biografia di una matematica russa, Sofia Kovalevskaja, una ragazzina e successivamente donna con la grande passione della matematica, coltivata poi con l’istruttore e grandi matematici …
    Sofia aveva un grande sogno: entrare al ginnasio, fare l’università e poi prendere la cattedra all’università… Un piccolo problema cerca di fermarla: in Russia a quel tempo le scuole e l università vietavano l’accesso alle donne… Sofia però era contraria, perchè come avrebbe fatto a studiare, a prendere la laurea per poi insegnare all’università?
    Questo libro mi è molto piaciuto perchè rispecchia il mio carattere, non mi fermo mai davanti ai problemi. lo consiglio ai ragazzi che come me amano leggere solo libri coinvolgenti e non molto lunghi e impegnativi.



  6. Kovalevskaja non aveva niente contro tutto questo, ma Sofia lottò perché le donne riuscissero ad insegnare e a imparare cose nuove in una scuola pubblica, dato che per una donna, era molto difficile entrare al ginnasio e all’ università. Ma non perché una donna non sapeva le cose, solo per il semplice motivo di essere… donna.


  7. caro studente, se stai cercando un libro da leggere avvincente, entusiasmante e ricco di sorprese, allora ti consiglierei ” La Trottola di Sofia” perché rispecchia tutte queste qualità. E’ la biografia della Matematica russa Sofia Kovalevskajala, la quale lottò anche contro l’ insegnamento e l’apprendimento delle donne al ginnasio e all’università. Questo libro non parla solamente di matematica, anzi, non spiega determinati calcoli che fece Sofia per risolvere dei problemi, ma è soprattutto un libro che racconta delle sue emozioni e di come la matematica possa essere utile e confortevole nei momenti difficili; a volte, meglio di un amico.




  8. Il libro che ho letto è “La trottola di Sofia”, il libro parla di questa ragazza di nome Sofia che, fin da piccola, aveva una forte passione per la matematica. Diventata grande, contro il volere del padre, scappa di casa con sua sorella Anjuta e delle sue amiche e si sposa . In quel tempo, non era permesso alle donne di frequentare l’università e malgrado tutto Sofia riuscì a realizzare il suo sogno e a diventare un’insegnante di matematica. Credo che questo libro sottolinei la forza delle donne e che faccia molto riflettere sulla tenacia delle donne. Il libro, devo dire, mi è piaciuto veramente tanto, l’ho trovato interessante e coinvolgente, lo consiglio a tutte le ragazze della mia età.



  9. Buongiorno professoressa, come libro da leggere ho scelto la Trottola di Sofia, scritto da Sofia Kovalevskaja.
    Questo libro parla di una ragazza di nome Sofia, la più piccola fra le sue sorelle, la quale è una grande studiosa ma la sua materia preferita è la matematica. Invece sua sorella Anjuta piaceva molto scrivere romanzi ed il padre non era d’accordo con lei, ma torniamo a Sofia, pure la sua passione per lo studio andava contro il volere del padre creando così lite fra i due…….A Sofia piaceva molto studiare e viaggiare con la sorella Anjuta ma i loro genitori, soprattutto il padre non voleva solo quando una delle due si sarebbe sposata avrebbe potuto portare l’altra all’estero. E indovinate chi si sposò per prima tra le due? Sofia, ma il padre non permise ad Anjuta di andare all’estero con la sorella perché Sofia era più piccola di lei e non poteva badare alla sorella……..
    Non vi racconto la fine, perché dovete scoprirla da soli leggendo il libro.
    Questo libro non mi è piaciuto molto perché il genere biografico non mi piace ma grazie a questo libro incomincia a piacermi.
    Lo consiglio a chi non piace tanto leggere perché ha poche pagine ma anche a chi piacciono le biografie.



  10. Tra le proposte letterarie consigliate dalla prof. Sabatti, ho scelto la traduzione italiana del libro “La trottola di Sofia” di Vichi De Marchi, una biografia sotto forma di romanzo la cui autrice, Sofia Kovalevskaja, è anche la protagonista del racconto. Un’appassionata di matematica che ha dovuto lottare per coltivare la sua curiosità per i numeri, affrontando mille difficoltà sia nella vita privata che in quella lavorativa; in quanto nella seconda metà dell’Ottocento, alle donne non era permesso studiare e lavorare, ancor di più insegnando ad alunni maschi.
    Malgrado tutto, la sua tenacia e la sua bravura le danno il merito della scoperta sulle rotazioni di un corpo solido attorno a un punto fisso.
    Questo libro mi è piaciuto moltissimo perchè ci fa riflettere sulla situazione e sui pregiudizi sulle donne, un tema molto attuale ancora oggi. Lo consiglio a tutte le donne perchè questo racconto è un esempio della tenacia delle donne.
    Sofia Cinquegrani


    1. L’autrice del libro è Vichi De Marchi; il fatto che sia narrato in prima persona ti ha confuso: è una finzione letteraria. La De Marchi ha studiato la vita della Kovalevskaja e poi ha scritto un libro; quindi le vicende narrate sono reali, ma è finzione il fatto che sia la matematica stessa a parlare di sè. Ti auguro di diventare sapiente, come il nome che ci lega entrambe a questa matematica vuole, e di essere sempre tenace!



  11. Buongiorno professoressa, devo dire che La Trottola di Sofia è un libro molto bello. Parla di una ragazzina di nome Sofia che vive insieme alla sua famiglia in una casa a Palibino.A Sofia piace molto la matematica e per questo un giorno decide, insieme alle sue amiche e quelle di sua sorella di andare a San Pietroburgo. Il problema però, era suo padre, che non approvava l’idea di andare San Pietroburgo da sola, ma Sofia gli disse che Margot voleva andarci.Ma lui non approvava comunque; allora decisero di trovare un uomo adatto a Margot che potesse sposarla però per finta.Un giovane nome Vladimir:era alto e aveva una barba e dei capelli rossi. I suoi occhi erano di un’azzurro intenso.Lui però non si innamoro di sua sorella Anjuta ma di lei.
    Passati molti anni da quando Sofia e Vladimir erano andati a vivere a San Pietroburgo, divento una vera e propria scienziata della matematica. Infatti quando era piccola le donne non potevano andare qa studiare matematica e andare a laurearsi.Ma Sofia studiando sempre per conto suo, stando ore e ore a studiare fisionomia e matematica, diventò la prima matematica russa ad ottenere una cattedra universitaria.
    Questo libro lo consiglierei a tutti quelli chenamano la matematica


Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.